Categoria fari xenon fai da te

Linea Korea di Xenovision – I kit Xenon “no worries” che sfidano le schifezze “low cost” (e vincono)

Kit Xenon Korea massima qualità per Ferrari, Porsche, Lamborghini

Sul mercato dell’illuminazione per auto oggi si trova un po’ di tutto, e chi vuole acquistare un kit Xenon per la propria auto ha l’imbarazzo della scelta. Non solo: molti kit Xenon hanno dei costi davvero contenuti. Però dietro questi costi contenuti si nascondono spesso costi “occulti”, quelli che derivano dalla bassa qualità dei prodotti. Ecco allora che moltissimi automobilisti fanno un passo falso montando dei fari di produzione cinese, che presto si guasteranno, o faranno impazzire il check control dell’auto, o si deterioreranno per l’utilizzo.

Xenovision ha scelto per tradizione di non competere nell’arena al ribasso del low-cost, preferendo i kit Xenon di produzione coreana. Da qui arrivano i kit Xenon DiamondSTAR, DiamondPLUS e DiamondMOTO. La linea Korea, che monta fari Philips, garantisce l’eccellenza assoluta sul piano della compatibilità, della durata, dell’affidabilità. Abbiamo visto in precedenza quanto siano importanti i dettagli nella scelta di un kit Xenon: i kit della linea Korea sono sviluppati proprio secondo questa filosofia, e sono consigliati per auto di produzione recente ed auto di lusso: Ferrari, Porsche, Lamborghini.

I kit della linea Korea sono disponibili a partire da € 249: un investimento davvero accessibile che va al 100% nella qualità dei prodotti.


C’è vino e vino, c’è Xenon e Xenon – 25 criteri fondamentali per valutare la qualità di una centralina Xenon

25 criteri per valutare la qualità della centralina di un kit xenon

Qualche giorno fa abbiamo detto che un kit Xenon, così come un vino, deve essere giudicato in base ad una gamma molto ampia di fattori. La volta scorsa abbiamo preso in esame la qualità delle lampade. Oggi vediamo invece i 25 fattori che identificano una centralina di kit Xenon di qualità (come quelle di Xenovision):

1) la durezza della lega metallica utilizzata per la fusione della centralina;
2) la resistenza della lega a fenomeni di deformazione dovuti alla dilatazione termica;
3) la capacità di isolamento elettrico del rivestimento esterno;
4) la presenza di uno strato conduttore per la schermatura elettromagnetica;
5) la capacità della scocca di assorbire i campi elettromagnetici generati dalla centralina stessa e di scaricarli in massa;
6) la levigatura finale, che garantisce l’assenza di schegge o parti non lavorato che potrebbero ledere i cavi ad alta tensione;
7) la resistenza alla pressione, agli urti, alle cadute, alla torsione della scocca;
8) la resistenza del cavo ad alta tensione a graffi ed alte temperature;
9) la levigatura della corona incanala-cavo alta tensione e la sua capacità di non logorare il cavo stesso;
10) la resistenza agli spruzzi, all’umidità, alle condizioni avverse;
11) la resistenza ad urti, vibrazioni, scossoni;
12) la resistenza ai rapidi sbalzi di temperatura;
13) la capacità di assorbire senza danni i disturbi che viaggiano sull’impianto elettrico dell’auto;
14) la capacità di assorbire i disturbi generati dalla stessa centralina senza diramarli sul resto dell’impianto elettrico dell’auto;
15) la qualità dello starter e dei condensatori;
16) la qualità del chip di gestione della centralina;
17) la qualità dei sensori dei valori elettrici e la loro capacità di mantenere risultati accurati all’aumentare delle temperature;
18) la reattività del sistema di gestione della centralina ai valori elettrici riportati dai sensori;
19) la funzione di auto-disattivazione della centralina su allarme: termico, corto-circuito, sovralimentazione, sottoalimentazione, mancato innesco lampada, assenza lampada, danni ai cablaggi alta tensione;
20) l’essere immune a danni dovuti a tentativi di alimentazione a polarità invertita;
21) l’efficienza elettrica – ovvero la capacità di dare prestazioni maggiori a parità di consumi;
22) la capacità di mantenere una tensione d’uscita omogenea nonostante disomogeneità nella tensione di entrata;
23) i tempi di accensione a freddo e a caldo;
24) la capacità del materiale isolante interno alla centralina di mantenere l’elasticità nel tempo, a dispetto delle elevate temperature a cui viene a contatto;
25) la sezione dei cavi e qualità di componenti elettriche generiche utilizzate al suo interno.

I kit Xenovision garantiscono la massima qualità sotto tutti questi aspetti, confermando che un kit Xenon è molto più della luce che produce.

Inoltre tutti i kit Xenovision sono omologati con uno o più tra i seguenti certificati: TUV, ISO, CE, E-MARK, ovvero i più rigorosi in Europa.


C’è vino e vino, c’è Xenon e Xenon – 10 criteri fondamentali per valutare la qualità di una lampada Xenon

10 criteri per capire la qualità di una lampada Xenon

Tutti sappiamo distinguere tra un vino di qualità ed un vinaccio in cartone: sembrano uguali, ma hanno un sapore ben diverso. Allo stesso modo è possibile distinguere tra kit Xenon di qualità e kit Xenon di livello inferiore: entrambi illuminano, ma le somiglianze si fermano qui. I kit Xenon di Xenovision offrono una qualità che va molto oltre la semplice luce prodotta.

Ecco quindi 10 di criteri in base ai quali giudicare la qualità di un kit Xenon (cominciamo con le lampade, a breve parleremo anche delle centraline):

1) la qualità e la densità del gas Xenon utilizzato all’interno delle lampade;
2) la capacità isolante e la flessibilità del cavo di alta tensione che alimenta la lampada;
3) la mescola delle plastiche utilizzata per gli innesti ad alta tensione;
4) la capacità degli innesti ad alta tensione di rimanere flessibili anche a basse temperature e di non allentarsi invece ad alte temperature;
5) la durata nel tempo dei gommini che sigillano gli innesti ad alta tensione;
6) la centratura del bulbo Xenon;
7) la composizione del quarzo della lampada;
8 ) la capacità filtrante ai raggi UV del quarzo della lampada;
9) la qualità e durata nel tempo;
10) l’omogeneità delle prestazioni al variare della temperatura e dell’umidità esterna.

Sono quindi numerosi i fattori di qualità di una lampada che non si possono giudicare “a prima vista”, e che nascondono spesso il segreto dei kit low cost.

Oggi abbiamo visto cosa rende speciale una lampada. Tra qualche giorno prenderemo in esame le centraline.


Le recensioni dai clienti di Xenovision: Kit DiamondSTAR 6000K su Volvo C70.

Inauguriamo con questo post una nuova rubrica di Xenovisionblog.com: quella delle recensioni dei prodotti di Xenovision inviateci dai clienti.

Salve, c’è già la mia recensione sul sito, ma ve la rimando.

Ciao a tutti, ho preso Il kit DiamondSTAR 6000k per la mia volvo C70.
Il risultato è ottimo!!! Non c’è paragone con le normali lampadine!
Il montaggio è facilissimo e velocissimo (ci ho messo 30 min.).
E comunque per qualsiasi problema l’assistenza è ottima.
Un saluto….Marco

grazie!

Ed ecco il kit di Marco montato e funzionante:

Kit Xenon DiamondSTAR 6000k su Volvo C70

Se avete acquistato un prodotto Xenovision e volete recensirlo potete farlo direttamente sullo store xenovision.it oppure mandarci la vostra recensione su assistenza@xenovision.it.


Kit Xenon DiamondSTAR di Xenovision: un kit Xenon di qualità, ad alta compatibilità

Kit Xenon DiamondSTAR di Xenovision: un kit Xenon di qualità, ad alta compatibilità

Alcuni di noi hanno automobili piuttosto anzianotte, altri invece hanno bolidi di ultima generazione. In mezzo, ci sono tanti di noi che possiedono automobili di fascia medio-alta – di produzione più o meno recente – che vogliono dotarsi di un impianto xenon dall’affidabilità e dalla qualità massima, che non abbia nulla da invidiare ai kit xenon più costosi. Per queste automobili è pensato il kit DiamondSTAR Korea di Xenovision, che garantisce una grande qualità (ma parlando di prodotti Xenovision non dovremmo neppure precisarlo) ed un’alta compatibilità per un grande numero di marche e modelli.

Il kit DiamondSTAR Korea è infatti compatibile con tutti i check control più evoluti e con la stragrande maggioranza dei modelli di automobili

Forte della tecnologia coreana – leader nel settore – il kit Xenon DiamondSTAR Korea permette di montare la luce Xenon sulla propria automobile CANBUS  a prezzi nettamente più convenienti rispetto ai fari xenon di serie (tra l’altro non previsti su tutte le auto), con una compatibilità senza paragoni senza sfarfallii o altri effetti indesiderati.

AGGIORNAMENTO ARTICOLO Gennaio 2010:
Il kit DiamondSTAR KOREA si è evoluto, con una centralina nera e un firmware aggiornato per la compatibilità con i modelli di auto più recenti (perfino la temutissima Golf VI lo riconosce al primo colpo!)

Potete acquistare subito il kit DiamondSTAR Korea sull’online store di Xenovision.


Chi si tiene le alogene e chi sceglie lo Xenon: differenze di stile

Per una volta, qui su Xenovision Blog, faremo una riflessione meno tecnica. La domanda è infatti: cosa distingue chi si tiene le alogene da chi sceglie di montare un kit Xenon sulla propria auto? La risposta non è certo economica, poiché sappiamo che un kit Xenon (specialmente Xenovision) è veramente alla portata di tutti.

La differenza – a nostro modo di vedere – è nello stile. Chi sceglie i fari Xenon decide infatti di sfruttare al meglio quello che ha (un’automobile che può essere un bolide sportivo o una modesta utilitaria): per quale motivo accontentarsi? Che ragione c’è per guidare con una fioca luce giallognola quando un kit Xenon può regalare a qualsiasi automobile una formidabile luce bianca?

Differenze così ci sono in molti campi: c’è chi – invitando a cena gli amici – mette in tavola il vino in cartone e chi invece stappa un Chianti d’annata. C’è chi compra costosi surgelati e chi invece cucina una cenetta da chef. La differenza è tutta lì: per questo noi continuiamo a preferire i fari Xenon. Chiamateci esteti, chiamateci buongustai, chiamatelo stile.


DiamondPLUS: i segreti del successo di un kit Xenon imbattibile

Chi segue questo blog sa probabilmente che Xenovision propone una vasta gamma di prodotti: non solo kit di illuminazione allo Xenon, ma anche sistemi di localizzazione, in-car entertainment ed abbigliamento racing.

Il re dei prodotti Xenovision rimane però un kit Xenon, in particolare il kit DiamondPLUS: negli ultimi mesi i lettori di XenovisionBlog hanno dimostrato un interesse davvero incredibile per questo gioiello.

Cogliamo quindi l’occasione per ricordarvi i motivi di questo successo:
massima compatibilità: il kit Xenon DiamondPLUS di Xenovision è compatibile anche con i check control più evoluti, non crea nessun problema e funziona plug ‘n play;
lampade Philips: il kit Xenon DiamondPLUS monta lampade Philips, che garantiscono la massima qualità e durata;
fabbricazione coreana: il popolo del tuning sa bene come la Corea sia oggi uno dei leader nella produzione di kit Xenon. Una provenienza che è una garanzia.


3 modi per motivare l’acquisto di un kit Xenon (ai genitori, alla ragazza, etc)

Molti di voi possono decidere di acquistare un kit Xenon senza doverlo chiedere a nessuno. Qualcuno, però, potrebbe dover spiegare le motivazioni di questo acquisto a genitori, fidanzata, moglie etc.

Ecco tre ragioni incontestabili per motivare l’acquisto di un kit Xenon:
1) ci tengo alla sicurezza: i fari Xenon sono effettivamente più sicuri, e qualsiasi guidatore responsabile dovrebbe sceglierli per la propria auto (se poi la persona da convincere viaggia con voi, ancora meglio);
2) abbiamo comprato una macchina da 20.000 euro e andiamo in giro con le alogene? La spesa aggiuntiva per un kit Xenon è infatti irrisoria se comparata al miglioramento estetico che ne deriva. È veramente imbarazzante per chi ha una bella auto veder arrivare la sera e dover accendere delle fioche lampade alogene;
3) voglio risparmiare sulla benzina (visto quello che costa): motivazione irresistibile, il consumo ridotto dei fari allo Xenon vi farà fare la figura di persone davvero con la testa sulle spalle. E con quello che avanza potrete pagarci una cena al ristorante.


Kit Quad Xenon DiamondBASE H4: una valanga di luce che lascia tutti a bocca aperta

Kit Quad Xenon di Xenovision massima luminosità

Cosa c’è di più luminoso di un kit Xenon? Un doppio kit Xenon! E’ questa la logica che sta dietro ai kit Quad-Xenon di Xenovision, veri mostri di luminosità che faranno sembrare pallidi anche i più potenti kit Xenon. Il funzionamento dei Quad Xenon è semplice ma efficace: ogni faro ha infatti due bulbi Xenon distinti, uno per l’abbagliante ed uno per l’anabbagliante, come nei Bi-Xenon. A differenza dei Bi-Xenon, però, i Quad Xenon permettono di accendere entrambe le luci in contemporanea (grazie alla presenza di una doppia ballast), arrivando in questo modo alla dirompente potenza di 14.000 Lumen, circa 10 volte la luminosità dei fari alogeni.

Xenovision vi propone il fantastico Kit Xenon DiamondBASE (compatibile con auto senza check control o con check control poco evoluto).

Potete acquistare ora questo fenomeno cliccando qui »
(sconto immediato del 5% scrivendo BLOG nel campo coupon al momento dell’acquisto)


Xenonpedia P-Z – La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Xenonpedia A-C - La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Quad Xenon

Si definiscono Quad Xenon i kit in grado di accendere abbaglianti ed anabbaglianti allo Xenon in contemporanea. In parole povere, sono kit Bi Xenon in cui abbaglianti ed anabbaglianti possono essere accesi allo stesso tempo. La luce prodotta da questi kit è impressionante: 14.000 Lumen, circa 10 volte la potenza luminosa di una coppia di lampade alogene. Potete sapere di più su biXenon e Quad Xenon su questo post.


Schermatura elettromagnetica

Qualsiasi kit Xenon produce forti campi elettromagnetici, che possono interferire con i sistemi elettronici dell’automobile. Per risolvere questo problema, i migliori kit Xenon (come quelli Xenovision) sono dotati di una perfetta schermatura elettromagnetica a prova di check control.


Sicurezza

I fari Xenon sono più sicuri perché permettono a chi guida di vedere in anticipo eventuali segnali e pericoli: con una profondità di illuminazione 2-3 volte maggiore, i fari Xenon garantiscono la massima sicurezza nella guida notturna. Potete approfondire il tema su questo articolo.


Xenon

Lo Xenon è un gas nobile come il Neon, l’Elio, l’Argon, il Kripton e il Radon. Scoperto nel 1898, è utilizzato per diversi scopi, ma soprattutto per i dispositivi ad alta emissione di luce. Potete leggere questo post per saperne di più.


Xenonpedia I-P – La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Xenonpedia A-C - La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Per i fedelissimi dello Xenon, ecco il terzo sfavillante volume della Xenonpedia, la guida definitiva ai termini del mondo dei kit Xenon.

Innesti

Ne esistono di vario tipo, a seconda della lampada e dell’automobile su cui andrete a montare i vostri fari Xenon. Le tre tipologie sono: H1, H4 e H7. È fondamentale scegliere lampade con l’innesto adatto alla propria automobile. Per verificare qual è l’innesto adatto alla vostra automobile, consultate la guida di Xenovision alla compatibilità degli innesti.

Kelvin

I Kelvin sono l’unità della misura della temperatura colore: maggiore è il numero di Kelvin, più il colore è “freddo” (secondo la nostra definizione dei colori). Ad esempio, 4500 K indicano un bianco molto caldo, quasi giallo, mentre 12000 K indicano una luce quasi violetta. I fari Xenon spaziano all’interno di questo spettro cromatico. Cliccate qui per approfondire il tema della temperatura colore dei fari Xenon.


Kit Xenon

Per kit Xenon si intende l’insieme delle lampade Xenon (due per l’automobile, una per la moto) e di una ballast, centralina elettrica che ha il compito di alimentare le lampade.

Lampade Xenon

Le lampade Xenon differiscono dalle normali alogene perché contengono lo Xenon, un gas nobile che, una volta acceso, produce una forte luminosità consumando poca energia.

Lenticolari, fari

Si indicano con questo nome i fari in cui il fascio luminoso passa attraverso una lente che regola l’ampiezza e l’asimmetria dell’illuminazione stradale. Potete leggere questo articolo per approfondire la differenza tra fari lenticolari e fari a parabola.

Lumen

I Lumen sono l’unità di misura dell’intensità di un flusso luminoso. Essi misurano la potenza percepita dall’occhio umano. Si parla invece di ANSI Lumen quando l’output luminoso viene misurato in modo oggettivo. I fari Xenon hanno una luminosità circa doppia delle lampade alogene (3000 lm contro 1500 lm). Per una comparazione più approfondita potete consultare questo articolo.

PLUS, Diamond

Si tratta del kit Xenon di fascia alta di Xenovision, ed uno dei leader in Europa: massima compatibilità, massime prestazioni, lampade di qualità Philips. Scoprite di più sul DiamondPLUS su questo articolo.


Xenonpedia A-C – La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Xenonpedia A-C - La guida definitiva ai fari Xenon e kit HID aftermarket

Xenovisionblog saluta il 2008 regalandovi la Xenonpedia, la guida definitiva alla terminologia del mondo dei fari allo Xenon. Cominciamo oggi con il volume A-C.

Alogena

Si chiamano alogene le normali lampadine montate di serie sulle automobili (anche se molte automobili di fascia alta cominciano a montare fari xenon di serie). Le lampade alogene hanno una luminosità ridotta rispetto ai fari allo Xenon ed un colore più giallo. Esistono tuttavia lampade alogene che proiettano una luce più fredda, come le alogene Bluthunder ad effetto xenon, che richiamano appunto il colore dei fari allo Xenon.

Accensione

L’accensione dei fari Xenon si articola in due fasi: nella prima il faro Xenon raggiunge il 70% della propria luminosità. Nella seconda fase, detta di riscaldamento, il faro Xenon sprigiona il 100% della propria luminosità (si parla in questo caso di boost). Alcuni kit Xenon, come il kit Xenon DiamondPLUS Korea Canbus, raggiungono il boost in pochissimo tempo (circa 2 secondi).

Aftermarket

Il termine aftermarket indica quelle modifiche che vengono apportate ad un’automobile dopo che questa ha lasciato il concessionario. Non rientrano quindi in questa categoria gli optional offerti dalla casa automobilistica. I fari Xenon rientrano in questa categoria di modifiche: poche automobili li offrono di serie o anche solo come optional.

Ballast

La ballast è la centralina elettrica che ha il compito di “accendere” i fari Xenon. Questi fari, infatti, consumano meno delle lampade alogene, ma hanno bisogno di una forte scarica iniziale per accendersi. Questa scarica non viene fornita dalla batteria della macchina, ma dalla centralina ballast che è parte integrante di ogni kit Xenon.

Bi-Xenon

Si parla di fari bi-Xenon quando sia gli abbaglianti che gli anabbaglianti di un’auto sono allo Xenon. In alcuni kit bi-Xenon il passaggio tra le due modalità è garantito da un’elettrocalamita che garantisce spostamenti fluidi, senza consumare le parti meccaniche (è il caso dei kit Xenovision). In questo articolo trovate maggiori informazioni su bi-Xenon e quad-Xenon.

Check Control

Le auto più recenti sono dotate di un sistema elettronico che rileva automaticamente la presenza di componenti “estranee”: questo sistema si chiama check control. Quando entra in azione, il check control è un bel piantagrane: per questo le auto più moderne richiedono kit Xenon altamente compatibili in grado di comunicare agevolmente con il check control ed esserne “accettati”. Per approfondire l’argomento cliccate qui.

Colore

Il colore della luce ha una sua “temperatura”, misurata in kelvin. Più alta è questa temperatura, più “fredda” è la luce, ovvero tendente al blu. I fari xenon hanno una luce più fredda di quella delle lampade alogene: il range di temperatura-colore va dai 4500 K (bianco caldo) ai 12000 K (violetto). Potete approfondire il tema del colore dei fari o guardare un video che compara i diversi colori.


Compatibilità

Diverse auto hanno diversi innesti per le lampade: questi si suddividono in H1, H4 e H7. Chiaramente, prima di acquistare un kit Xenon è necessario conoscere il tipo di innesti della propria auto. Qui trovate una lista di compatibilità per gli innesti. La compatibilità può però riferirsi anche al check control: auto più recenti vogliono kit Xenon più avanzati. Qui trovate una lista di compatibilità relativa al check control.

Vi diamo appuntamento al prossimo volume della Xenonpedia (D-H)!


Ecco come funziona il kit Xenon DiamondPLUS Philips Korea Canbus

Kit Xenon DiamondPLUS Korea Canbus

Abbiamo già parlato, su questo blog, dell’eccellente linea di kit Xenon DiamondPLUS. Oggi diamo un’occhiata più tecnica al funzionamento e ai vantaggi di questo kit Xenon spaziale.

Il kit Xenon DiamondPLUS Korea Canbus funziona in modo perfetto con tutte le auto canbus. Un’auto canbus è una vettura dotata di un sistema elettronico di controllo (check control), in grado di rilevare eventuali componenti “estranee” (come i fari Xenon aftermarket, appunto).

Quando il check control individua una componente “estranea” lo segnala in molti modi: innanzitutto accendendo una spia, poi con lo sfarfallio dei fari (effetto strobo), in alcuni casi anche con lo spegnimento. Ci sono due modi in cui un kit Xenon aftermarket può evitare queste conseguenze:

il pastrocchio: i kit Xenon non di alta qualità ingannano il check control utilizzando resistenze che simulano la presenza di una normale lampadina anziché di una lampada Xenon. Questo risolve il problema della spia. Lo sfarfallio viene invece mascherato (ma non del tutto eliminato) da un condensatore. Una soluzione abbastanza penosa e non risolutiva;

il plug ‘n play: i kit Xenon di qualità, come il DiamondPLUS Korea Canbus non ingannano il check control, ma dialogano con esso grazie ad una centralina elettronica molto avanzata. L’installazione è veloce (5 minuti), senza resistenze, condensatori, pastrocchi o magie. I fari Xenon DiamondPLUS Korea Canbus funzionano senza spie, senza sfarfallii, come se fossero un componente nativo della vostra auto. Questo è garantito dal microprocessore interno alla ballast, prodotto con un processo esclusivo.

Inoltre, i kit Xenon DiamondPLUS Korea Canbus presentano una perfetta schermatura elettromagnetica, che risolve un problema meno noto: quello delle correnti indotte. Le centraline dei kit Xenon producono infatti, inevitabilmente, correnti elettromagnetiche che vanno a “stimolare” il check control. A questo punto il cervellone impazzisce ed invia impulsi elettrici che danneggiano le componenti più “semplici” dell’auto, come i motorini tergi-cristalli ed alza-cristalli. I kit Xenon più inaffidabili possono anche mascherare spie e sfarfallii, ma finiranno per far impazzire ad ogni modo il check control, cosa che non succederà mai a chi monta un paio di fari DiamondPLUS Korea Canbus.

Inoltre, grazie alla tecnologia esclusiva a starter separati, l’elevatissima efficienza delle centraline unita alla bontà delle lampade originali PHILIPS Genuine Rebased Bulbs, il kit DiamondPLUS PHILIPS KOREA CANBUS è il più luminoso della categoria 35Watt, 42Watt e 50Watt.

Il kit Xenon Diamond PLUS Korea Canbus è senza dubbio il primo in Europa, campione di affidabilità, facilità di installazione, sicurezza, luminosità e durata, perfetto anche per auto molto esigenti come Audi e Golf V. Questo kit è la migliore scelta per un pubblico esigente che vuole una soluzione pulita ed efficiente.

Il Diamond PLUS Korea Canbus è un’esclusiva di Xenovision. Potete acquistarlo subito dal nostro online store.


Kit Xenon dalla Korea: il top mondiale dell’illuminazione Xenon

Kit Xenon dalla Korea: i più luminosi, compatibili, efficienti

Vi siete mai chiesti qual è il Paese che produce i migliori kit Xenon aftermarket? Vi consigliamo di guardare ad Oriente: non nell’efficientissimo Giappone né nella dinamica Cina, ma in Corea, patria di Daewoo, Hyunday e Kia. In questo Paese di antichissime tradizioni si producono kit Xenon di livello eccellente, in grado di interfacciarsi con la vostra auto con lo stesso equilibrio di un combattente di taekwondo.

Dalla Korea, questi fantastici kit Xenon arrivano ora anche in Italia, grazie a Xenovision: si tratta del DiamondSTAR Korea Canbus e del DiamondPLUS Philips Korea Canbus, due kit Xenon di qualità unica in Europa, straight from Korea!

Grazie alle dimensioni ridotte, all’alta compatibilità, all’interfaccia plug ‘n play, alla grande luminosità e alla lunga durata, questi kit Xenon si posizionano al top del mercato dello Xenon europeo.


Montare fare Xenon sulle minicar: quali sono i kit Xenon giusti per Aixam, Bellier, Grecav, Chatenet e le altre

Montare fari Xenon sulle minicar e microcar: una Aixam con fari Xenon DiamondBASE H4 6000k di Xenovision

Ve lo ha mai detto nessuno che i fari Xenon si possono montare anche sulle minicar? Queste auto di piccola cilindrata, che si possono guidare senza patente, possono essere dotate di luce allo Xenon così come le loro sorelle maggiori. Tutto sta a sapere quale kit Xenon va bene per la vostra minicar, che sia una Aixam, una Bellier, una Grecav, una Casalini, una Chatenet, una JDM, una Ligier, una Meta, una Microcar, una Tasso o una Townlife.

Montare fari Xenon sulle minicar e microcar: una Aixam con fari Xenon DiamondBASE H4 6000k di Xenovision

Come regola di massima, le minicar montano fari Xenon H4 alogeno + Xenon. In questo caso il kit che fa per voi è il DiamondBASE H4 di Xenovision. Alcune minicar più evolute, però, vogliono kit Xenon H7, come il DiamondBASE H7 di Xenovision. Se avete dubbi sulla categoria della vostra minicar, contattate il team di Xenovision Blog per scegliere il kit Xenon più adatto.

Montare fari Xenon sulle minicar e microcar: una Aixam con fari Xenon DiamondBASE H4 6000k di Xenovision

L’effetto dei fari allo Xenon sulla vostra minicar sarà di grande impatto e davvero sorprendente. Per saperne di più sui fari allo Xenon vi invitiamo a leggere gli archivi del nostro blog, in particolare l’articolo su come funzionano i fari allo Xenon.
Ricordatevi di usare il coupon BLOG: avrete uno sconto immediato del 5% sul totale.

Montare fari Xenon sulle minicar e microcar: una Aixam con fari Xenon DiamondBASE H4 6000k di Xenovision