Fari xenon e check control: cosa significa un kit xenon compatibile con la vostra automobile (o moto)

Scegliere un kit di fari xenon compatibile con la vostra auto (o motocicletta) può essere un vero rompicapo: dovrete districarvi tra check control, canbus, chip CMOS, resistenze e altre amenità…

Vi abbiamo già spiegato come funzionano i fari allo xenon e vi abbiamo detto che i kit xenon di Xenovision sono compatibili con la Golf V (una delle macchine più intolleranti per quanto riguarda i kit xenon aftermarket).

Ora approfondiamo il discorso sui check control dei kit xenon: cos’è un check control? Perché quando comprate un kit xenon dovete sapere che tipo di check control ha la vostra auto? Ma soprattutto: quale kit xenon comprare per essere sicuri che una volta montato tutto funzioni?

Il check control (detto anche canbus) è un sistema elettronico che tiene sotto controllo l’auto alla ricerca di guasti. Se viene rilevata un’anomalia, il check control la segnala sul cruscotto. In alcuni casi, se il check control rileva un corpo estraneo sul faro come ad esempio un kit xenon, alla spia di errore si accompagneranno malfunzionamenti molto fastidiosi come sfarfallii dei fari, effetto luce stroboscopica su uno o entrambi i fari o perfino il totale spegnimento di un faro. Questi sintomi indicano un’incompatibilità del kit di fari xenon che avete montato.

kit fari xenon compatibile con la Volkswagen Golf V

In base al tipo di tecnologia presente sulla vostra auto, ecco come scegliere un kit xenon compatibile:

check control assente – quasi tutte le utilitarie in circolazione e le auto antecedenti al 1995, tutte le moto e gli scooter: scegliete il kit xenon DiamondBASE;

check control base – alcune berline e auto ammiraglie montavano i primi check control molto essenziali: scegliete il kit xenon DiamondBASE (che è migliore dei kit xenon standard a basso costo e sarà perfettamente compatibile);

check control evoluti – le moderne automobili tedesche come la Volkswagen Golf V, le Audi, Mercedes e BMW hanno un check control molto sensibile: vi servirà un kit xenon DiamondSTAR che s’interfaccia tramite chip CMOS direttamente con il sistema canbus;

check control iper-evoluti – le ammiraglie di fascia alta e le ultimissime berline ipercostose. Per queste raffinate signore occorre un impianto fari xenon d’eccellenza come il kit xenon DiamondPLUS, unico in Italia, abile seduttore di check control.

L’importante in ogni caso è acquistare un kit xenon di ottima qualità costruttiva, robustezza dei componenti ed elevata durata nel tempo. Diffidate di chi vi propone soluzioni di ripiego, improvvisando rimedi con resistenze e condensatori. Non servono a nulla nemmeno i kit xenon a 42Watt o a 55Watt: potrebbero addirittura causare danni per i forti campi elettromagnetici generati.

Piuttosto rivolgetevi ad un negozio di veri professionisti dei fari xenon: avrete un kit xenon perfettamente funzionante da subito, in pieno feeling con la vostra auto.

» Consulta ora la lista di compatibilità dei kit di fari xenon di Xenovision.it


Lampade xenon: quanto consumano e quanto scaldano (suggerimento: meno delle alogene)

lampade xenon: consumano meno (35kw) e scaldano menoCapisco che vi siete innamorati dei fari Xenon per la vostra auto o moto – ne avete motivo – ma vorrete pure sapere quanto consuma e quanto scalda un kit Xenon, per farvi due conti. Insomma, vi ricordo che i fari Xenon emettono una luce 3 volte più forte di quella delle alogene.

Consumeranno di più, quindi? Sorpresa: no.

I fari Xenon, infatti, funzionano in modo diverso dalle lampade alogene: una scarica elettrica fortissima accende il gas al loro interno – lo Xenon, appunto – che poi richiede poca corrente per restare acceso. Per parlare in cifre: le lampade alogene della vostra auto consumano 55 W, i fari Xenon consumano 35 W. Poi dite che non sono un sogno.

Questo minor consumo fa sì che i le lampade Xenon scaldino anche meno delle normali lampade alogene.

Potete acquistare fari Xenon per auto e per moto online su xenovision.it.